Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Basta con i tassi nominali. Il rischio sovrano netto si misura con i tassi reali. Ecco come

Se osserviamo i tassi nominali che pagano i governi per rimborsare gli interessi sul debito pubblico emesso (prendendo in considerazione le quotazioni sul mercato secondario) otteniamo dei dati apparentemente assurdi. Come quello che vede il Giappone avere il più alto debito/Pil del pianeta (227,2%) e allo stesso tempo il più basso tasso per rimborsare il debito in scadenza a 10 anni (tra i principali Paesi Ocse + la Cina).

Oppure c’è la Turchia che paga sui titoli a 10 anni l’8,73%. Sembrerebbe il punto di non ritorno (almeno così si diceva e in parte è accaduto nell’Eurozona) tra il 2010 e il 2012 quando Grecia, Cipro, Irlanda, Portogallo e Spagna sono stati costretti a chiedere aiuti esterni. Ma allora come mai la Turchia viaggia relativamente tranquilla (con la lira turca che si è apprezzata di circa il 10% negli ultimi mesi sul super-euro)? La classifica dei tassi nominali ci dice anche che la Repubblica ceca risulta meno rischiosa degli Stati Uniti, prima economia al mondo. Insomma, i paradossi non mancano.

Ma la risposta è più semplice di quel che sembra. I tassi nominali non sono un parametro efficiente (per quanto spesso vengano utilizzati a tale scopo) per indicare la solidità (e di conseguenza il rischio default) di un Paese. Manca un altro tassello, che si chiama inflazione e che contribuisce non poco alla determinazione dei tassi nominali. Se sottraiamo l’inflazione a questi otteniamo quello che potremmo definire “rischio sovrano netto” con forti livellamenti tra i Paesi. In questo caso si scopre che la Grecia non è poi messa così bene. Ma che l’Italia è meno rischiosa della Spagna. Ulteriore dettagli in questo articolo.

 

  • Ilario |

    Ciao Vito, non sapendo a chi rivolgermi e vista la mia disperazione, provo con questo blog. Nel 1992 chiesi, insieme a mio fratello, un prestito alla mia banca di 75000 €, con un tasso del 5,65% annuale, e mi ritrovai a pagare un preammortamento di circa 71000euro. Lo pagammo dal 29/10/1992 fino al 30/06/2000, da quest’ultima data iniziammo a pagare il capitale vero e proprio e con un tasso d’interesse del 2,6%, andiamo avanti così da anni, ora ci è stato comunicato che dovremmo finire di pagare nel 2017. Mi chiedo: è possibile che chiedendo un prestito di 75000€ per un’azienda agraria mi ritrovi a pagare alla banca (per ben 25 anni) praticamente più di 143000€? Questo debito mi sta ammazzando, ho sempre onorato tutte le date avvolte pagando con un mese di ritardo e pagando per intero una mora salatissima, ora mi trovo in condizioni pessime e non riesco a pagare l’ultima rata che ammonta a 6000€, la banca mi ha mandato un lettera avvertendomi sui pericoli del non pagare la rata. non so cosa fare se dopo 25 anni ho più che ripagato il mio debito. MI basterebbe una delucidazione. grazie mille!
    Ilario

  Post Precedente
Post Successivo