Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il 2013 sta per finire. Un anno durissimo da raccontare ma intenso. Ecco una selezione degli articoli che vi sono piaciuti di più. Grazie

Il 2013 è stato un anno durissimo per l'Italia. Il Pil è arretrato dell'1,8% (la perdita in termini reali dal 2007 è di circa nove punti). I disoccupati sono aumentati, così come il malcontento. Mentre la tanto attesa legge di stabilità non ha risolto in modo convinto uno dei problemi che affliggono l'Italia: l'elevato cuneo fiscale che depotenzia la produttività. Ma l'Italia, in compagnia di molti altri Paesi dell'Eurozona, si trova ad affrontare quotidianamente i problemi derivanti da un'area valutaria che al momento non funziona a dovere. complici trattati obsoleti e sbilanciati sull'austerity a tutti i costi. Lo stesso Romano Prodi ha ricordato che sarebbe ora di rivedere dei parametri concordati 20 anni fa, quando il mondo funzionava in modo diverso (gli effetti della finanziarizzazione selvaggia e della globalizzazione senza limiti non si erano ancora dispiegati del tutto).

Raccontare questo anno durissimo non è stato facile. Ma ci abbiamo provato con "anta" articoli. Qui una selezione dei più letti, i più condivisi e quelli (credo) fra i più apprezzati da voi. Per fare un po' il punto di un anno intenso e per non dimenticare. Nella speranza di poter vivere un 2014 di ripresa. Migliore per tutti. Grazie. Stay tuned per il 2014

La Germania rischia un richiamo perché esporta troppo (due giorni dopo questo articolo, ovviamente in tutta casualità, gli Stati Uniti attaccanno la Germania proprio su questo punto, due settimane dopo l'Ue decide di apire un'indagine sull'eccesso di esportazioni della Germania)

Svaluta che ti passa. Ecco l'arma in più che oggi usano le prime quattro economie del mondo

E se Phillips avesse ragione?

L'Italia è il Paese più affidabile del mondo se nella formula del debito finiscono le pensioni

Usare l'inflazione per svalutare l'euro? Ecco come la Germania si è avvantaggiata sul Sud Europa

La crisi dell'Eurozona è un problema di debito pubblico o privato?

Il ciclo di Frenkel può spiegare la crisi dell'Eurozona?

Se il cambio è rigido vince che ha meno inflazione. Ecco perché l'Europa è asimmetrica

Perché con un debito/Pil al 236% il Giappone spende e spande?

Lo spread scenderà nel 2014 a 150 punti. Ma è una mezza buona notizia perché sarà mosso da bassi salari e disinflazione

Ecco perché alle banche conviene ancora comprare titoli di Stato e non prestare soldi alle imprese

Siamo sicuri che il debito pubblico è il peccato originale dell'Italia? I dati dicono che cresce meno di tutti gli altri Paesi europei

L'Italia e il Giappone non sono i Paesi più indebitati del mondo

Chi ha ragione: Giappone e Usa che stampano a go-go oppure l'Europa e la "paura" del mostro dell'inflazione?

Deficit di Olanda e Francia fuori da Maastricht. L'Ue concede tempo. Ma chi sono i buoni e i cattivi dell'euro?

Gli altri "anta" che per questione di spazio qui non inserisco li trovate nella sezione "cerca" del sito del Sole 24 Ore