Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La Germania esporta deflazione e se non si arrabbiano gli europei ci pensano gli Stati Uniti

La Germania rischia un richiamo dall'Unione europea perché continua a esportare a raffica non rispettando i paletti dell'Unione europea che prevedono degli argini non solo per chi fa troppo deficit delle partite correnti (4% del Prodotto interno lordo come media in tre anni) ma anche per chi fa troppo surplus (6% del Prodotto interno lordo negli ultimi tre anni). E di questo ne abbiamo parlato qui.

Senza entrare più di tanto nel merito di come siano stati fissati questi parametri (nell'ultimo decennio al Germania viaggia intorno al 5,9%) è evidente che questo atteggiamento – perpetrato all'interno di un'area valutaria che teoricamente dovrebbe accrescere i benefici di tutti – non può continuare.

E se i Paesi europei non stanno facendo granché per fare in modo che questo squilibrio venga compensato adesso passano all'attacco gli Stati Uniti. Nell'ultimo rapporto semestrale del Tesoro americano su valute e Paesi concorrenti si legge chiaro e tondo che la Germania sta esportando deflazione in tutto il mondo: "L'anemico tasso di crescita della domanda interna in Germania e la dipendenza dall'export hanno ostacolato il ribilanciamento in una fase in cui molte economie dell'area euro sono sotto forte pressione per tagliare la domanda e comprimere l'import".

Più chiaro di così….Nel 2012 il surplus delle partite correnti della Germania (238 miliardi di dollari) ha superato quello della Cina (193 miilardi). Persino la Cina nell'ultimo piano di sviluppo si pone l'obiettivo di traghettare la crescita da un'economia export verso i consumi interni. Quando si deciderà Berlino?

Non c'è neanche tanto tempo. La Grecia è ufficialmente in deflazione. E l'Italia? Si sta avvicinando. A ottobre l'inflazione su base annua si è attestata allo 0,3%. Dinanzi a queste cifre e questo contesto ipotizzare una sostenuta crescita futura (almeno da riportare il Pil a pari con i livelli pre-crisi, ricordando che dal 2008 l'Italia ha perso 8 punti percentuali) è difficile.

  • Anna |

    che potere reale ha in Europa l’UCC ?

  Post Precedente
Post Successivo