Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il Financial Times scarica Mario Monti: perché non è l’uomo giusto per guidare l’Italia

Il Financial Times, nelle parole di uno dei suoi più prestigiosi commentatori (il presidente di eurointelligence.com Wolfgang Mumchau) va giù duro contro Mario Monti con un titolo secco: "Why Monti is not the right man to lead Italy" (Perché Monti non è l'uomo giusto per guidare l'Italia).

Scrive Munchau: "Come primo ministro, il signor Monti ha promesso riforme e ha finito per aumentare le tasse. Il suo governo ha cercato di introdurre modeste riforme strutturali ma sono state annacquate fino alla «irrilevanza macroeconomica». Dopo aver iniziato come leader di un governo tecnico, emergendo come un duro, è passato alla politica. Il suo racconto è stato che ha salvato l'Italia dal baratro, o piuttosto da Silvio Berlusconi, il suo predecessore. Ma la maggior parte degli italiani sa che il calo dei rendimenti obbligazionari è dovuto a un altro Mario – Draghi, presidente della Banca centrale europea (che a luglio ha varato lo scudo anti-spread, ndr)".

Secondo Munchau l'Italia, al pari degli altri Paesi del Sud Europa, può scegliere tre opzioni: 1) restare nell'euro e caricarsi da sola il peso degli aggiustamenti; 2) rimanere nella zona euro, subordinando la permanenza ad aggiustamenti condivisi e simmetrici tra creditori e debitori; 3) lasciare l'euro. Finora i governi italiani hanno però provato una quarta opzione: restare nell'euro, concentrandosi a breve sui conti pubblici e rimanere in attesa.

L'opzione preferita dall'editorialista del Financial Times è la seconda (regolazione simmetrica) ma "Mario Monti non è riuscito a prevalere alla Merkel".

Munchau si augura che la «storia gli accordi un ruolo simile a quello giocato da Henrich Bruning, il cancelliere tedesco tra il 1930-1932. Anche lui è stato parte di un consenso prevalente sul fatto che non ci fosse alternativa all'austerity». Peccato che dopo Bruning arrivò Hitler.

  • martin |

    Ma pensassero ai fatti loro gli inglesi. Sono secoli e non decenni che parassitano il mondo.

  • piero |

    munchau è comunque solo un columnist con idee piuttosto radicali…era direttore del fin. times deutschland, che è stato chiuso di recente dai suoi padroni british..immagino che sia piuttosto incavolato e in cerca di sangue

  • carl |

    Scarica Monti, ma non Cameron?
    E se fosse da scaricare Monti, chi sarebbe da promuovere ? Forse quell’avanzo mediatico che è il signor B.? O gli altri?
    Probabilmente, da parte del popolo-elettorale ci vorrebbe una chiara indicazione che ne ha le tasche piene (non di euro) e che forse ci vorrebbe un vero “Tecnico”, cioè intelligente, capace, competente, ecc. e non solo che parli inglese e sia stato accolto nell rete internazionale eruopea ed anglosassone. Ma dov’è un tecnico che non sia omologato dall’establishment italiano..Che fa come tutti gli altri establishments, anche quello più uguale degli altri..
    Cheese..:o)

  • Attilio Cece |

    Sono d’accordo!. D’altra quale credibilità puo avere uno che parla di professionalità e capacità e non si scusa con i cittadini Italiani per aver proposto un ministro come la fornero che, per sua stessa ammissione, era impreparata a ricoprire il ruolo assegnatole? Mio nonno avrebbe detto di monti che è solo un ‘barlafuss’.

  • Lago |

    Eh ma noi abbiamo scienziati tipo Fini e Casini… questi tra un decennio ci verranno a spiegare che l’alleanza con Monti fu un errore…

  Post Precedente
Post Successivo