Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Borse e spread non contano più. La salvezza dell’euro dipende dall’euro

Per capire se l'euro supererà questa crisi non bisogna più guardare all'andamento di Borse e spread. Ma bisogna fare un passo indietro. E guardare direttamente quello che ci dice il mercato dei cambi. Quindi guardare l'euro stesso. Quello che è successo nell'ultima settimana finanziaria ne è la riprova.

Le notizie negative non sono mancate (Moody's ha declassato l'Italia e la Germania, che sta drammaticamente sottovalutando l'effetto boomerang di questa crisi sulla sua economia, ha continuato a esprimersi in modo contradditorio su una mutualizzazione dei debiti sovrani dell'Eurozona). Eppure le Borse hanno retto. Sembrando ignorare questo flusso sconfortante di notizie poco rosee. Ma oggi Madrid e Milano spiattellano ai risparmiatori un ennesimo venerdì nero con ribassi tra il 4 e il 5%. Nello stesso giorno in cui scadono, come ogni terzo venerdì del mese, molti contratti future e opzioni sugli indici di Borsa (motivo per cui probabilmente grossi investitori potrebbero aver sostenuto gli indici nei primi giorni della settimana a dispetto del sentiment generale).

Come mai? Scadute le opzioni su indici le Borse si sono accodate all'andamento negativo dell'euro (su dollaro Usa, australiano, canadese e su sterlina) da inizio settimana. Quell'euro su cui gli investitori stranieri hanno giorno dopo giorno meno fiducia. E per questo spostano la liquidità su valute di Paesi considerati più affidaibili in questo momento.

In sostanza, quello che ci dice una lettura attenta dei mercati in questa fase è che le Borse e gli spread contano poco come indicatori del termometro di rischio. Piuttosto è il mercato delle valute l'unico termometro credibile rimasto per capire se l'euro resisterà. E i messaggi arrivati in quest'ultima settimana tracciano un trend di fondo allarmante. Se la Germania non abbandonerà la sua visione di breve e distruttiva nell'affrontare la crisi, l'euro rischia seriamente di deflagrare. Questa è la direzione. Da invertire prima che sia troppo tardi.

Approfondimento su questa intervista a Davide Biocchi (trader professionista)

  • opzioni binarie |

    La Germania cerca di tracciare il suo pin dal gioco, che in fondo è normale. L’Unione europea esiste, certo, ma ogni paese è comunque indipendente e nessun paese è disponibile a pagare per le difficoltà degli altri! Speriamo per la Monti si giunga a dare l’Italia sui binari, ma le difficoltà non sono facili da superare soprattutto per la gente che soffre di disoccupazione!

  • carl |

    FUTURES, DERIVATI, ETC stanno sopra..E c’è chi li compra (o sottoscrive) e chi si impegna a..
    L’Euro è sottostante.. :o)
    Carl

  Post Precedente
Post Successivo