Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il mercato dei bond indica che lo scudo dell’euro è saltato

L'euro è ancora uno scudo per i Paesi più indebitati dell'area, quelli che grazie all'ingresso nell'euro (pur accettando una moneta più forte delle rispettive valute locali e quindi perdendo forza nelle esportazioni) hanno beneficiato di bassi tassi di interesse per ripagare il debito? L'andamento del mercato dei bond indica chiaramente di no. Questo grafico sui rendimenti dei bond dell'Eurozona dal 1993 ad oggi mostra chiaramente che i rendimenti dei bond di Italia, Spagna, Portogallo e Irlanda (i Paesi con i debiti più traballanti e con gli spread sulle obbligazioni in tensione, senza contare ovviamente la Grecia che è già tecnicamente fallita e non fa testo in questa analisi) di oggi sono in linea, quando addirittura non più alti, rispetto a quelli del 1997, quando l'euro (quando la moneta unica europea non era stata ancora introdotta. Dopo il crack di Lehman Brothers (e in particolare dallo scorso luglio) i rendimenti dei bond di questi Paesi si sono impennati posizionandosi pericolosamente su livelli pre-euro. Quindi, coloro che sostengono che l'euro è uno scudo per il debito di questi Paesi dovrebbero mettere nel calderone anche questo dato, che certo fa riflettere. E' vero, ma prima l'inflazione correva alle stelle mentre adesso è sotto controllo. Bene. Ma se analizziamo anche l'inflazione (oggi al 3% mentre nel 1997 ben più alta) ci accorgiamo che i rendimenti reali pagati oggi da Italia, Portogallo, Spagna e Irlanda sono di gran lunga maggiori rispetto a quelli precedenti l'introduzione dell'euro. Ciò significa che il rischio di questi Paesi (oggi con un euro che pare abbia perso la funzione scudo) è più alto che allora (quando viaggiavano con le valute nazionali). E la possibilità di erodere il debito pubblico agendo sulla leva dell'inflazione è meno efficace. Il grafico evidenzia che l'euro ha funzionato perfettamente praticamente per 9 anni (dal 1999 al 2008). Poi il meccanisimo, complice un Trattato mal scritto e l'assenza di un'unione fiscale tra Paesi con economie e società sensibilmente differenti, si è rotto. Si stava meglio quando si stava peggio?

Approfondimento in questo articolo euro e bond sul Sole 24 Ore.

  • io me |

    L’euro è una vera e propria truffa, che arricchisce chi sta bene e schiavizza chi sta male. Non a caso è gestito solo per accomodare due o tre paesi, a scapito degli altri. Via da questa galera per il bene dei cittadini di mezza Europa.

  • Alexander64 |

    … ma in tutto questo la Francia, che non viene mai citata, nel bene e nel male, dove sta? Dal Grafico si direbbe in linea con le economie che lei definisce “traballanti” egregio Vito Lops, si può dire o è vietato?

  Post Precedente
Post Successivo