Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

BTp Italia: ordini definitivi per 7,29 miliardi, 80% dai piccoli risparmiatori

I numeri indicano che è stato un successo. Proprio mentre gli spread – complici prese di profitto e rinnovate tensioni nell'Eurozona – sul mercato secondario rialzano la testa le sottoscrizioni per il nuovo BTp Italia (a 4 anni, indicizzato all'inflazione, con il premio fedeltà dello 0,4%) hanno battuto le aspettative del Tesoro. Dagli 1,5-2 attesi nel complesso la domanda ha toccato quota 7,29 miliardi.

L'80% delle richieste è arrivato dal settore retail, quindi dai piccoli risparmiatori che hanno dato uno schiaffo alla crisi e alle paure sui debiti sovrani.

Il tasso reale è stato fissato al 2,45%. A questo tasso bisognerà poi aggiungere l'inflazione per arrivare così al tasso nominale, stimato dall'ufficio studi di Intesa Sanpaolo al 4,73%.