Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Lo spread punta adesso 300. Chi ha creduto nell’Italia nel momento più difficile ha guadagnato anche più del 16% in due mesi

Lo spread tra BTp e Bund è sceso sotto quota 350. E punta a quota 300 secondo gli esperti. Il dato è ancora miglior del previsto se si considera che sta scendendo senza l' "aiutino" della Bce dato che l'istituto di Francoforte ha indicato che la scorsa settimana ha azzerato gli acquisti a sostegno dei titoli di Stato dell'Eurozona.

Profittando di questa discesa dello spread è possibile anche tracciare un bilancio sul guadagno secco (tra prezzo di acquisto e prezzo attuale del mercato) di chi ha puntato sull'Italia nel momento più difficile, tra fine novembre e inizio dicembre, quando i rendimenti dei BTp viaggiavano oltre la soglia allarmante dell'8% e lo spread tra BTp e Bund sfiorava quota 600.

Da allora il titolo più performante è stato il BTp day con scadenza 10 anni che offrirebbe a chi vendesse oggi un guadagno del 16%. Ma sono andati benissimo tutti i titoli di Stato.

Approfondimento sul Sole 24 Ore