Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Le banche calcolano in modo corretto l’Euribor? Ispezioni dell’Antitrust su ipotesi cartello

L'Euribor è un tasso interbancario che esprime la media dei tassi di interesse con cui un panel di banche europee si presta soldi. Un termometro del costo del denaro all'ingrosso, per questo motivo solitamente allineato al tasso di riferimento della Banca centrale europea, costo del denaro per eccellezza.

L'Euribor però, come le oltre 400mila famiglie italiane che ogni anno stipulano un mutuo ipotecario, è anche il tasso principale che viene utilizzato per il calcolo del tasso finale di interesse da pagare sui mutui a tasso variabile (dato dalla somma tra l'Euribor e lo spread stabilito dalla banca).

Come viene calcolato? Tecnicamente è la media dei tassi praticati per prestiti interbancari applicati da un panel di 44 banche europee, come indicato dall'European banking federation. Viene calcolato, tutti i giorni dal lunedì al venerdì, e comunicato alle ore 11, sulle varie scadenza (da 1 settimana a 1 anno, le più diffuse tra i mutui sono quella mensile e trimestrale).

E' calcolato in modo corretto? O ci sono dei giorni in cui le variazioni sono più sensibili alterando l'impatto indiretto che questo indicatore ha sul mercato dei mutui? Dato che in questo secondo caso ci sarebbero impatti significativi sulle rate da pagare bisogna fare molta attenzione. Ad esempio la maggior parte degli intermediari finanziari che erogano mutui prende come punto di riferimento il tasso Euribor dell'ultimo giorno del mese, altre prendono il 15, altre ancora fanno una media mensile. La scelta dell'Euribor da fissare per il calcolo delle rate è arbitraria e spetta a ciascuna banca che eroga il mutuo.

Tuttavia, la maggior parte degli istituti che erogano mutui prende come punto di riferimento l'Euribor rilevato nell'ultimo giorno del mese precedente a quello del pagamento della rata.

L'Antitrust dell'Ue, probabilmente, starà indagando proprio su questi elementi. Verificando se le 44 banche del panel possano aver alterato in malafede la media dell'Euribor in alcuni giorni  L'ipotesi di reato non è da poco: manipolazione nel calcolo del tasso. Per questo motivo continueremo dalle pagine di questo blog e del Sole 24 Ore a seguire con attenzione gli sviluppi della vicenda che potrebbe interessare da vicino molti mutuatari.

  • ernesto |

    Siamo di colpo diventati diffidenti da tutti i capi saldi dell’economia , forse perchè più la gente si informa più aumentano i sospetti mettereste mai un TOPO A CONTROLLARE DEL FORMAGGIO? l’euribor è da paragonare in certi momenti al prezzo del petrolio e a quello della pompa.Dobbiamo capire nostro mal grado che questa economia drogata dagli interessi personali di colossi finanziari ,guadagna di più se la Grecia fallisce e non che si salvi, non si spiegherebbe altrimenti se subito dopo aver dato dei soldi alla Grecia come aiuto si divulga la notizia che non bastano comunque, prestereste mai dei soldi ad un moribondo senza le dovute precauzioni?

  • Stefano |

    Deve proprio essere un caso questo innalzamento a fine mese.

  • michele |

    Ogni fine mese per magia sale di 2/3 centesimi fa salire la rata di 3/4 euro per poi mitigarsi nel mese e risalire a fine mese successivo.

  • Federico Ciapi |

    L’Euribor viene calcolato dalla Reuters ed i dati sono pubblici, chiunque può verificare se ci sono state delle manipolazioni in determinati giorni.

  • antonio |

    Era ora che si cominciasse a far chiarezza.
    Chi come me, con mutuo in corso, ha cercato di addendrarsi nella materia EURIBOR, pur ricorrendo all’aiuto di funzionari di banca, non ne viene a capo.
    Sembra un mondo inaccessibile.

  Post Precedente
Post Successivo