Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Spread sui mutui impazziti. In arrivo nuova ondata di aumenti

Dopo la prima ondata di aumenti a settembre (operata perlopiù dalle banche tradizionali con UniCredit, ad esempio, che ha portato gli spread sui mutui al 3,5% e Banca popolare di Vicenza oltre il 4%) è in atto una nuova ondata di aumenti. Protagonisti di questo secondo giro sono gli istituti storicamente più aggressivi sul mercato dei mutui, come Ing direct e Webank. Di solito questi sono considerati "price makers", punti di riferimento per la determinazione degli spread anche per altri istituti. Eppure, anche questi istituti hanno deciso di attuare una stretta.

Quello degli spread impazziti è un problema che riguarda i nuovi mutuatari, ma soprattutto quelli che sono in attesa della delibera bancaria, dopo aver chiesto il preventivo.

A tal proposito pubblico il testo dell'articolo di fondo che ho scritto per l'edizione del 13 ottobre di CasaPlus24, focalizzato proprio su questo.

Se questi sono spread. Prima dell'estate, spread era un termine di nicchia: oggi se ne parla anche dal barbiere. E, con tutto il rispetto, vuol dire che qualcosa è andato storto, che si è creata una sorta di bolla. Domenica notte (9 ottobre) Ing direct ha alzato lo spread sui mutui tra gli 80 e i 140 punti base. Ma non è l'unico. Di recente anche Webank li ha ritoccati dallo 0,9% oltre il 2 per cento. Mossa già seguita da Chebanca! e probabilmente, a breve, anche da altri price makers. Insomma, dopo la prima ondata di aumenti (a settembre alcune banche tradizionali si sono spinte oltre il 4%) ne è in corso una seconda.

Sperando che i costi di raccolta del denaro diminuiscano e che le banche possano invertire questa tendenza resta il fatto che chi si appresta a chiedere un mutuo oggi è in difficoltà e, tanto più, chi ha avviato l'iter tra la scorsa primavera e l'estate, "costretto" adesso a stipulare un contratto a un tasso nettamente più alto rispetto a quello concordato. Un problema di migliaia di italiani che cercano adesso di capire se c'è un modo per uscire da questo labirinto.