Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ai mercati non basta il Twist, chiedono il Qe3

Annunciata (come ricordato sulle pagine di questo blog), l'operazione Twist della Federal Reserve per rilanciare l'economia statunitense è arrivata. Ma non ha convinto gli investitori. Sui mercati è tornata l'avversione al rischio. La Fed venderà titoli di Stato con scadenza inferiore a 3 anni per 400 miliardi di dollari e utilizzerà questo importo per acquistare titoli dai 6 ai 30 anni. L'obiettivo è di abbassare il costo del denaro sul lungo periodo rilanciando mutui e prestiti lunghi per le imprese americane (note per viaggiare con molta cassa).

L'operazione è giudicata insufficiente per invertire l'outlook sull'economia statunintese. Gli addetti ai lavori pensano, adesso, al Qe3, ovvero una nuova potente iniezioni di liquidità.

Ma se le prime due hanno un avuto un effetto benefico di brevissimo respiro (consentendo all'economia americana di rimbalzare da uno scenario recessivo solo per pochi mesi) quella di iniettare nuova liquidità con un terzo quantitative easing sarebbe davvero l'arma migliore per evitare la doppia recessione (double dip) e incanalare l'economia Usa in un nuovo e duraturo scenario di crescita?

Secondo Mads Koefoed, Macro Strategist di Saxo Bank, no. E spiega perché:

"La Fed ha annunciato, con inusuale ritardo, la cosiddetta operazione Twist.  Questo testimonia ancora una volta come Bernanke non abbia la minima idea – o peggio ancora come abbia le armi spuntate –  per combattere il secondo round di timori, nell'arco di un anno, di un double dip. Con il lancio dell'Operazione Twist, Fed Bernanke corre inoltre il rischio di arrivare troppo tardi all'appuntamento con una soluzione, per la seconda volta in 10 mesi, che ricalca il programma di QE2 dello scorso novembre. Una soluzione che anche all'ora arriv tardi innescando un massivo rally delle commodity che ha pesato sui consumi degli americani nella prima met dell'anno e che ha costretto l'economia a una nuova battuta d'arresto.  E' giunto il momento di permettere all'economia di guarire da sola secondo vecchi schemi. In altre parole bisogna ricostruire le riserve di capitale. Ci significa che il risparmio va incoraggiato e non osteggiato. Purtroppo, non c' speranza che Bernanke badi al nostro consiglio, quindi prepariamoci ad un nuovo piano della Fed e speriamo che sia solo inutile e non oltremodo dannoso".