Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Oro e titoli di Stato poco attraenti. Per i gestori le azioni europee sono il miglior investimento nel 2011

Il 2011? Sarà ancora un buon anno per il mercato azionario. Meglio però puntare sui titoli europei che non sui grandi Bric, in fase di surriscaldamento. In ogni caso, meglio puntare sui dividendi piuttosto che sulla crescita del capitale. Le materie prime? Continueranno a correre rame e commodities energetiche, ma non l'oro che ormai ha colmato l'anomalo divario storico con i prezzi di Borsa. I titoli di Stato? Sono destinati a perdere attrattiva. Il settore immobiliare? I rendimenti offerti in questo momento dal real estate nel Regno Unito possono superare di quattro punti percentuali quelli delle azioni.

Articolo completo sul Sole 24 Ore

  • Vito Lops |

    Bisogna però fare molta attenzione ai report di famose banche d’affari (spesso in conflitto di interessi) che proiettano l’oro, il petrolio e le materie prime, verso fantomatici rialzi

  • compro oro firenze |

    Il panorama finanziario internazionale è ancora molto confuso per potere liquidare l’oro in modo troppo sbrigativo, nonostante il prezzo dell’oro sia salito molto in alto, troppo per alcuni analisti e investitori che temono sia esaurito il rally dell’oro. In un momento come questo si nota come molte materie prime siano salite, spinte da investitori alla ricerca di beni più stabili rispetto ad altri comparti azionari, il problema è che investimenti massicci fanno crescere il prezzo dei beni e se questo non provoca gravi sconquassi socio economici quando si tratta di metalli come l’oro, altrettanto non si può dire quando si tratta di materie prime strategiche come quelle agricole o di grande utilizzo a conferma di ciò si può indicare le attuali rivolte in medio oriente innescate dal caro prezzi di generi di prima necessità. Questo ci può dare indicazioni utili su quali potranno essere i beni rifugio che potranno essere acquistati in modo massiccio senza provocare crisi così gravi da riportare i venti di crisi a soffiare sulle borse internazionali.

  Post Precedente
Post Successivo