Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mutui, banche più aggressive sul fisso

Il tasso variabile resta in partenza la soluzione più conveniente, almeno per i prossimi 2-3 anni (considerato l'andamento dei future sull'indice Euribor). Ma il fisso, proprio in virtù dei continui mini-rialzi degli Euribor (0,84% il mensile e 1,04% il trimestrale, ai massimi da luglio 2009) comincia a recuperare terreno nell'appeal degli italiani, in particolare quelli con un reddito fisso e che sono disposto ad accettare di pagare un po' di più (rispetto al variabile) in condizioni normali di mercato che rischiare capicollare in condizioni eccezionali e schizofreniche dei mercati.

Ecco perché alcuni istituti di credito stanno lanciando delle promozioni, in questa fase, proprio sul tasso fisso. Vediamo quali.


 Bnl ha lanciato il "mutuo 3,99%". Fino al 30 novembre chi apre un conto corrente con l'istituto ha diritto a chiedere un finanziamento ipotecario al tasso annuo nominale del 3,99%, per una durata massima di 30 anni. Aggiungendo le altre spese accessorie (e arrivando quindi al taeg, il tasso annuo effettivo globale) il tasso finale – nell'ipotesi di un prestito di 130mila euro a 25 anni, quella oggi più comunemente richiesta – è pari al 4,15 per cento. Che corrisponde a una rata mensile di 685,47 euro.

L'istituto, come strategia, rivolgendosi prevalentemente alle famiglie nell'offerta di mutui, privilegia i mutui a tasso fisso rispetto a quelli variabili, in previsione della crescita dei tassi di mercato. Negli ultimi due anni, infatti, in un contesto caratterizzato da una netta prevalenza delle erogazioni a tasso variabile (più del 60% secondo Assofin, l'Associazione del credito al consumo e del mercato immobiliare) Bnl ha erogato circa il 65% di mutui a tasso fisso.

Tra le altre promozioni, in campo anche Banco popolare che – per richieste di mutuo sottoscritte entro il 30 novembre 2010 e stipulate entro il 31 dicembre 2010 – propone "Mutuo last minute": per i primi due anni il tasso nominale è pari al 2,95%, dopodiché sale al 4 per cento. Il taeg a regime è pari al 4,09%, pari a una rata di 680,97 euro nell'esempio di finanziamento sopra indicato (613 nei primi due anni). Al pari del mutuo di Bnl, anche questo prodotto viene offerto sia per le operazioni di acquisto sia per quelle di surroga di mutui accesi con altri istituti di credito.

Anche Webank, la banca online del gruppo Bipiemme, è in campo con una promozione a tasso fisso. Su tutti i mutui richiesti fino al 31 dicembre 2010 e attivati entro il 31 marzo 2011, l'istituto applica un taeg scontato. Nell'ipotesi indicata è pari al 4,2835%, che corrisponde a una rata di 700,7 euro.