Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Borse, nei momenti di crisi meglio una zuppa

Warholsoupecampbell
Nel crollo che ha colpito ieri sera Wall Street (il Dow Jones ha perso il 6,9%, -777,68 punti, il ribasso più alto della storia in termini assoluti) c’è soltanto un titolo che si è salvato: quello della Campbell Soup, lo storico produttore americano di zuppe, fondato nel 1869. Ha chiuso la giornata di contrattazioni con un guadagno dello 0,3 per cento. Il titolo non è nuovo a questi exploit in controtendenza. Il precedente risale all’11 settembre 2001 quando, in un’altra giornata drammatica per il mercato azionario americano, le azioni della Campbell fecero registrare un inaspettato balzo verso l’alto.

Da inizio anno, da quando Wall Street ha perso il 20% e Piazza Affari il 30%, il titolo è salito da 31 a 37 dollari (un guadagno del 20%).

La spiegazione? Nei momenti di panico cresce la domanda di alimenti a buon mercato e facili da conservare. Come i famosi barattoli della zuppa Campbell. Insomma, per gli investitori è meglio un barattolo oggi che un conto corrente a rischio crac domani.

24 MinutiRadiocor

  • francesco f. |

    Curiosa notizia ,a quanto pare il cibo in scatola è un bene rifugio in questo periodo peccato che non vale anche per un titolino nostrano come la doria che nel nostro mercatino rionale perde il 40% da inizio anno
    ciao francesco

  Post Precedente
Post Successivo