Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Che fine ha fatto il laissez-faire?

Implosionefinanza
Faccio un piccolo riepilogo di quello che è successo nelle ultime due settimane:

DOMENICA 6 SETTEMBRE 2008: Il Tesoro Usa decide il commissariamento delle agenzie federali Fannie Mae e Freddie Mac, i due più importanti intermediari nel campo di prestiti ipotecari con in pancia un monte titoli di 5.300 miliardi di dollari. Si tratta di una sorta di nazionalizzazione. Il valore dell’operazione di salvataggio è di circa 200 miliardi di dollari.

DOMENICA 14: L’amministrazione americana lascia fallire Lehman brothers, il maggiore crac della storia (639 miliardi di debito). Nello stessa giornata, Merrill Lynch viene acquistata da Bank of America. Con il fallimento di Lehman, l’acquisizione di Merrill e quella di Bear Stearns da parte di JpMorgan del marzo scorso, sopravvivono alla crisi subprime solo due banche di investimento indipendenti: Goldman Sachs e Morgan Stanley.

MERCOLEDI 17: La Federal reserve, con un intervento senza precedenti, concede un prestito da 85 miliardi ad Aig, il colosso assicurativo alla ricerca disperata di capitali per la sopravvivenza. La società passa sotto il controllo (79,9%) del Governo.

GIOVEDI’ 18: Il ministro del Tesoro Usa, Henry Paulson, e la Federal Reserve guidata da Ben Bernanke annunciano un maxi-piano di salvataggio per le banche e le public companies travolte dalla crisi del credito. Secondo quanto previsto dal piano gli asset non liquidi presenti in misura massiccia nei bilanci delle banche dovrebbero essere trasferiti in un fondo speciale a carico del governo per essere ceduti sul mercato in un secondo tempo. Secondo le prime stime l’operazione potrebbe costare tra i 2 e i 3mila miliardi di dollari. Il progetto sarebbe molto simile alle misure adottate negli anni ‘80 per risolvere la crisi delle casse di risparmio. All’epoca venne creata una struttura, chiamata Resolution trust corporation (Rtc), che raccolse i titoli delle istituzioni fallite.

VENERDI’ 19: La Sec (la Consob americana) mette al bando temporaneamente, fino al 2 ottobre, le vendite allo scoperto su 799 titoli di società finanziarie. Il divieto ha effetto immediato e segue la mossa presa ieri dalle autorità regolatorie britanniche che hanno sospeso le vendite allo scoperto di titoli finanziari.

VENERDI 19: Il Tesoro degli Stati Uniti annuncia l’istituzione di un fondo di garanzia da 50 miliardi di dollari per i fondi monetari.

VENERDI’ 19: Le Borse accolgono con entusiasmo il flusso di notizie a sostegno dei mercati (a cui vanno aggiunte operazioni di rifinanziamento delle banche centrali per un controvalore di oltre 300 miliardi di dollari) con rimbalzi poderosi. Piazza Affari chiude le contrattazioni con un rialzo dell’ 8,62%, segnando la migliore progressione giornaliera degli ultimi 10 anni e annullando parte delle perdite accumulate nell’ultimo anno (-31%).

SETTEMBRE 2008: L’insieme di manovre messe in atto dalle istituzioni riflettono un dinamismo e una capacità interventista senza precedenti. E segnano il collasso dell’ideologia liberista. Implode il lassaiz-faire.

  • francesco f. |

    Vito invece sono fiducioso che gli USA ce la faranno anche questa volta,bisogna sforzarsi a vedere quel 5% di positivo minimo presente anche nella situazione piu’ disperata come diceva il fondatore degli scout Baden Powell leggi attentamente qst news del wsj
    Here’s what’s happened so far. New technology like electronic trading meant that Wall Street’s bread-and-butter business of investment banking and trading stocks stopped making much money years ago. So investment banks took their enormous capital and at first packaged yield-enhanced, subprime mortgage loans into complex derivatives such as collateralized debt obligations (CDOs). Eventually and stupidly, these institutions owned them for themselves — lots of them, often at 30-to-1 leverage. The financial products were made “safe” by insurance products known as credit default swaps, a credit derivative from companies such as AIG. When housing turned down, the mortgages and derivatives were worth a lot less and no one would lend Wall Street money anymore.
    Then the piling on started. Hedge funds could short financial stocks and then bid down the prices of CDOs stuck on Wall Street’s balance sheets. This was pretty easy to do in an illiquid market. Because of the Federal Accounting Standards Board’s mark-to-market 157 rule, Wall Street had to write off the lower value of these securities and raise more capital, diluting shareholders. So the stock prices would drop, which is what the shorts wanted in the first place. It was all legit.
    There is a saying on Wall Street that goes, “The market can stay irrational longer than you can stay solvent.” Long Term Capital Management learned this lesson 10 years ago when it got its portfolio picked off by Wall Street as its short-term financing dried up. I had thought the opposite — hedge funds picking off Wall Street — would happen today. But in a weird twist, it’s the government that is set up to win the prize.
    Here’s how: As short-term financing dried up, Fannie Mae and Freddie Mac’s deteriorating financials threatened to trigger some $1.4 trillion in credit default swap payments that no one, including giant insurer AIG, had the capital to make good on. So Treasury Secretary Henry Paulson put Fannie and Freddie into conservatorship. This removed any short-term financing hassle. He also put up $85 billion in loan guarantees to AIG in exchange for 80% of the company.
    Taxpayers will get their money back on AIG. My models suggest that Fannie and Freddie, on the other hand, are a gold mine. For $2 billion in cash up front and some $200 billion in loan guarantees so far, the U.S. government now controls $5.4 trillion in mortgages and mortgage guarantees.
    Fannie and Freddie each own around $800 million in mortgage loans, some of them already at discounted values. They also guarantee the credit-worthiness of another $2.2 trillion and $1.6 trillion in mortgage-backed securities. Held to maturity, they may be worth a lot more than Mr. Paulson paid for them. They’re called distressed securities for a reason.
    Now Mr. Paulson is pitching Congress for $700 billion or more to buy distressed loans and CDOs from the rest of Wall Street, injecting needed cash onto balance sheets so that normal loans for economic activity can be restored. The trick is what price he will pay. Better mortgages and CDOs are selling for 70 cents on the dollar. But many are seriously distressed (15-25 cents on the dollar) because they are the last to be paid in foreclosures. These are what Wall Street wants to unload the quickest.
    Firms will haggle, but eventually cave — they need the cash. I am figuring Mr. Paulson could wind up buying more than $2 trillion in notional value loans and home equity and CDOs for his $700 billion.
    So the U.S. will be stuck with a portfolio in the trillions of dollars in bad loans and last-to-be-paid derivatives. Where is the trade in that?
    Well, unlike Mr. Buffett or any hedge fund, the Treasury and the Federal Reserve get to cheat. It’s not without risk, but the Feds, with lots of levers, can and will pump capital into the U.S. economy to get it moving again. Future heads of Treasury and the Federal Reserve will be growth advocates — in effect, “talking their book.” While normally this creates a threat of inflation and a run on the dollar, and we may see dollar exchange rates turn south near term, don’t expect it to last.
    First, with Goldman Sachs and Morgan Stanley now operating as low-leverage bank holding companies, a dollar injected into the economy will most likely turn into $10 in capital (instead of $30 when they were investment banks). This is a huge change. Plus, a stronger U.S. economy, with its financial players having clean balance sheets, will become a safe haven for capital.
    Europe is threatened by an angry Russian bear. The Far East, especially China, has its own post-Olympic banking house of cards of non-performing loans to deal with. Interest rates will tick up as the economy expands — a plus for the dollar. Finally, a stronger economy driven by industry instead of financials means more jobs, less foreclosures and higher held-to-maturity payouts on this Fed loan portfolio.
    You can slice the numbers a lot of different ways. My calculations, which assume 50% impairment on subprime loans, suggest it is possible, all in, for this portfolio to generate between $1 trillion and $2.2 trillion — the greatest trade ever. Every hedge-fund manager will be jealous. Mr. Buffett is buying a small piece of the trade via his Goldman Sachs investment.
    Over 10 years this could change the budget scenario in D.C., which can also strengthen the dollar. The next president gets a heck of a windfall. In the spirit of Secretary of State William Seward’s purchase of Alaska for $7 million in 1867, this week may be remembered as Paulson’s
    Ciao Francesco

  • Vito Lops |

    Ciao Francesco,
    davvero pregevoli le tue supposizioni/indicazioni.
    La domanda è: riuscirà il popolo americano a reinquadrarsi in un’ottica di risparmio, diminuendo drasticamente la propensione a “vivere a leva” che è un po’ (forse) la benzina del sogno americano?
    Le foto scattate questa notte delle proteste dinanzi alla sede di Wall Street mettono a nudo la grande confusione in cui versa il capitalismo d’oggi e, evocando quelle del Grande Crollo, danno ragione a quelli che sostengono che l’economia è la rappresentazione storica della stessa onda. L’unica variante è la società di turno.

  • francesco f. |

    Caro Vito i nodi stanno venendo al pettine anche se la botta finale al sistema finanziario( con sp 500 a 700 punti entro il primo semestre 2009)verra’ dato dall’economia reale strozzata dalla socializzazione delle perdite tramite un’ ondata di inflazione pronta a sommergerla,a questo proposito è illuminante leggere il libro di zingales rajan “salvare il capitalismo dai capitalisti”che gia’ 4 anni orsono avevano ben chiara la situazione.Pero’ sono ottimista e questo è il momento delle grandi occasioni e sono convinto che questa crisi finanziaria globale finirà per produrre effetti altamente positivi.
    Con le quotazioni degli immobili e delle azioni in caduta libera e quelle del petrolio in arretramento ma pur sempre sostenute, con un’economia internazionale messa a dura prova da quello che doveva essere un semplice episodio, e cioè la crisi dei mutui suprime e che invece si è rivelato il fattore scatenante di una spirale in forte avvitamento verso il basso, come si fa ad essere ottimisti ?
    Quando i giornalisti gridano al lupo quando le borse crollano e gli esperti si dividono a metà tra chi dice che siamo ormai in recessione e chi invece parla di stagflazione e quando i più autorevoli esponenti delle massime istituzioni monetarie e creditizie dipingono il quadro attuale a tinte fosche, è obiettivamente difficile credere ad una ripresa globale duratura e forte nonostante il massiccio intervento statale usa.
    Eppure.. “Eppur si muove”, per dirla con Galileo, quando i dotti dell’epoca lo trattavano da eretico, visto che tentava di convincerli che la terra non era immobile al centro dell’Universo.
    Nei giorni scorsi, facendo un po’ di zapping davanti al televisore, la mia attenzione è stata catturata da alcune interviste ad automobilisti americani sulla soglia della disperazione a causa del feroce aumento del costo dei carburanti, che li costringerà a svendere i loro costosissimi SUV – peraltro alcuni dopo aver finito di pagare le residue rate del debito contratto per acquistarle – e a ripiegare su molto più modeste ma economiche vetturette.
    Il servizio evidentemente stressava gli aspetti drammatici della situazione, che ci sono e non sono da trascurare: si tratta di sogni ridimensionati o distrutti, quei sogni che per noi sono all’origine dell’impulso a risparmiare. Ma, da un altro punto di vista, possiamo dire che proprio questo dramma li farà risorgere.
    Perchè il Paese consumista per antonomasia sarà costretto a rivedere e ripensare il proprio modello di sviluppo, non nelle grandi architetture macroeconomiche concepite dai politici di turno, bensì nei comportamenti concreti dei suoi cittadini, i quali si trovano per la prima volta dopo decenni alle prese con la necessità di costruire i propri obiettivi di vita partendo non dal debito – e quindi dalla distruzione di risparmio – ma dall’accumulazione, cioè dalla sua creazione.
    L’industria e tutto il settore distributivo, che questo modello ha sostenuto e voluto in questo lungo periodo di tempo, se ne sta accorgendo ed è pronta a modificare a propria volta le proprie tendenze di sviluppo.
    Un esempio ? come annuncia un articolo apparso sul Sole 24 Ore, il Massachussets Institute of Technology sembra aver scoperto un catalizzatore rivoluzionario in grado di abbattere il costo di produzione dei veicoli ad idrogeno, rendendone possibile l’immissione sul mercato nel giro di pochi anni.
    La conseguenza è evidente: anche gli automobilisti americani frustrati e depressi di oggi potranno tornare a rivivere gli stessi sogni nel giro di poco tempo, e con più gusto di prima: perchè nel frattempo avranno riscoperto la sana virtù del vero risparmio, accantonando realmente le risorse necessarie a ricomprarsi un SUV all’idrogeno.
    E quel che è valido per l’auto,vale per tutti i settori economici ma soprattutto per il settore finanziario che sara’ il primo ad anticipare la ripresa e a risorgere dalle proprie ceneri non a caso su plus 24 di ieri c’era una fotografia emblematica a pag 4 Broker wanted!!!davanti alla lemhan brother!!
    Ye we can,o meglio come si dice a napoli C’a Putimm Fa’
    Ciao Francesco

  Post Precedente
Post Successivo