Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

L’Orso ingrossa le cedole

Bearmarket
La bufera dei mercati spinge i prezzi ai minimi, ma rende più ghiotto il quadro dei rendimenti delle società quotate: remunerazioni medie del 5,6% e quattro titoli tra le quaranta big di Piazza Affari che evidenziano rendimenti a doppia cifra. Questo lo scenario offerto dal rapporto prezzi/dividendi, qualora le società dell’S&P/Mib, allo stacco della cedola nella prossima primavera, dovessero anche solo confermare i dividendi distribuiti nel 2008. A guidare la classifica bancari ed editoriali: i primi sono stati i più colpiti dalla fase negativa dei mercati e viaggiano a valori che non si vedevano da 4-5 anni, l’editoria vive una fase difficile e le quotate del settore stanno aggiornando i minimi storici. Il podio delle migliori, con prezzi di Borsa aggiornati alla seduta odierna, è guidato dal 12% di Monte dei Paschi con L’Espresso (11,43%) e Mediaset (10,49%). Remunerazione oltre il 10% anche per Intesa Sanpaolo.

Cifre che offrono opportunità di investimento? «Mentre si aspettano i conti semestrali per avere un quadro più chiaro sull’intero anno – commenta Tito Rainis, strategist opzioni e promotore di Banca Patrimoni del gruppo Banca Sella – gli investitori possono prendere il rischio con acquisti su titoli che danno rendimenti attorno o superiori al 5 per cento».

Ma quest’anno perdite per tutti

Investire su società che pagano alti dividendi può rivelarsi in alcuni casi uno specchio per le allodole. Almeno nel breve periodo. Prendendo in considerazione, infatti, le società quotate a Piazza Affari che nell’ultimo anno hanno distribuito i dividendi più ricchi, la performance totale (comprensiva quindi anche del guadagno/perdita derivante dall’oscillazione del prezzo del titolo) risulta penalizzante. La maglia nera di questa classifica va a Banca Mps che, al netto della cedola del 9,4%, registra un passivo nell’ultimo anno superiore al 50 per cento. Ha deluso anche Unipol che, nonostante una cedola straordinaria pari a un rendimento del 19,4%, è in rosso nel complesso, del 19 per cento. Male anche Mediaset e Mondadori con passivi del 40 per cento.

(a cura di Andrea Fontana e Vito Lops)

Radiocor 24 Minuti

Le proiezioni sulle cedole per il 2009

Rendi- mento % *

Dividendo 2008

Prezzo al 10/07/08
(in euro)

Banca Mps

12,00

0,21

1,75

Gruppo L’Espresso

11,43

0,17

1,487

Mediaset

10,49

0,43

4,1

Intesa Sanpaolo

10,36

0,38

3,6675

Mondadori

9,49

0,35

3,6875

Parmalat

9,41

0,159

1,69

Enel

8,31

0,49

5,9

Mediolanum

7,80

0,2

2,56

Alleanza

7,70

0,5

6,50

UniCredit

7,07

0,26

3,68

Banca pop. Milano

6,91

0,4

5,79

Ubi banca

6,34

0,95

14,99

Mediobanca

6,13

0,65 **

10,59

Telecom Italia

5,94

0,08

1,346

Eni

5,74

1,3

22,65

Terna

5,69

0,151

2,65

Banco popolare

5,44

0,6

10,84

Fondiaria-Sai

5,44

1,1

20,21

Bulgari

5,14

0,32

6,23

Rendi- mento % *

Dividendo 2008

Prezzo al 10/07/08
(in euro)

Snam rete gas

4,92

0,21

4,27

Unipol

4,74

0,075***

1,58

Lottomatica

4,29

0,825

19,25

A2A

4,23

0,097

2,29

Fiat

4,02

0,4

9,95

Autogrill

3,91

0,3

7,68

Generali

3,83

0,9

23,52

Geox

3,80

0,24

6,32

Italcementi

3,79

0,36

9,50

Pirelli

3,75

0,016

0,43

Atlantia

3,68

0,68

18,50

Stm

3,48

0,229****

6,58

Luxottica

3,44

0,49

14,25

Buzzi Unicem

2,91

0,42

14,45

Prysmian

2,69

0,417

15,48

Finmeccanica

2,43

0,41

16,89

Saipem

1,69

0,44

26,07

Tenaris

1,15

0,24****

20,94

Media

5,6





(*) basato sull’ipotesi che le società confermino per il 2009 le cedole distribuite nel 2008 – (**) stima dividendo 2008 – (**) + conversione in euro al cambio odierno del dividendo pari a 0,36 dollari – (****) dividendo ordinario – Fonte: elaborazione 24 Minuti su dati Borsa Italiana