Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Polizze e obbligazioni a rischio

Lo scivolone delle Borse mondiali, che da inizio anno hanno perso il 20% bruciando solo a giugno 3mila miliardi di dollari, ha penalizzato anche i valori di obbligazioni e polizze strutturate. Questi prodotti – conosciuti anche con il nome di index linked perché il loro rendimento è legato all’andamento di un indice sottostante – negli ultimi anni hanno avuto un forte exploit di collocamenti negli sportelli di banche, assicurazioni e poste. Sul tema è intervenuto anche Giancarlo Giannini, presidente dell’Isvap (Istituto di vigilanza sulle assicurazioni) che ieri ha ricordato che «i cda di alcune compagnie di assicurazione non sono stati informati con modalità e termini appropriati dell’andamento di quei prodotti index linked che nell’ultimo anno hanno subito perdite significative per effetto della caduta dei mercati e downgrading degli emittenti dei titoli di riferimento».

I titoli strutturati. I titoli index linked sono di vario tipo. Nella maggior parte dei casi funzionano in un modo simile al seguente: fatto 100 il prezzo di emissione, una quota pari a 87,5 viene investita in obbligazioni che renderanno 100 alla scadenza (rendimento garantito), 3 vanno direttamente al collocatore e 9,5 vengono investiti in un’opzione che consente di ottenere una performance ulteriore (rendimento variabile) al verificarsi di determinate condizioni nell’arco di vita del prodotto (oscilla tra i 5 e i 7 anni). Nel dettaglio, la rivalutazione aggiuntiva è legata (linked) all’andamento di beni sottostanti, in genere uno o più indici (index) azionari.

Extra rendimenti a rischio. La burrasca in Borsa negli ultimi sei mesi rischia, però, di vanificare le possibilità che i risparmiatori che hanno acquistato questi prodotti possano ricevere l’extra rendimento stabilito, perché in molti casi gli indici azionari collegati hanno perso terreno. Lo dimostra anche il fatto che i valori delle quote sono scivolati anche oltre il 30% (si veda tabella) facendo scattare l’obbligo per le compagnie (previsto dalla circolare Isvap 551 e riferito alle polizze index linked) di comunicare la perdita ai contraenti. In molti casi, quindi, ci si dovrà accontentare solo delle cedole (generalmente distribuite nei primi due anni). «Il timing con cui alcune compagnie hanno emesso prodotti strutturati fa riflettere – spiega Fabrizio Premuti, esperto del settore assicurativo di Adiconsum -. Sta di fatto che oggi, le già limitate possibilità in partenza per i risparmiatori di ottenere l’eventuale performance aggiuntiva si sono ulteriormente ridotte». Stesso discorso per i prodotti emessi dalle banche che negli ultimi anni hanno fatto ampio ricorso al finanziamento obbligazionario (secondo Banca d’Italia un italiano su dieci detiene bond bancari). Fra questi, rientrano anche le obbligazioni strutturate che, ripartendo i costi totali per lo più nella fase di sottoscrizione dei contratti, hanno permesso di attualizzare incassi futuri, a beneficio delle ultime trimestrali.

Titoli strutturati: chi ha perso di più da inizio anno

Fondi assicurativi index linked

Obbligazioni index linked

Denominazione

Società
di gestione

Var. %
2008

Denominazione

Società emittente

Var. %
2008

A2 bpb cppi option

Ubi ass. vita

-47,90

Abn Amro EStoxx50 05-15

Abn Amro

-10,66

Eurocedola

Reale mutua ass.

-37,07

Abn Amro EStoxx50 05-15

Abn Amro

-10,15

Net opportunity 07-2012

Aviva previdenza

-31,55

Credem 03-08 Concerto 4

Credito emiliano

-7,13

Ideale 05/02

Poste vita

-30,21

B.Intesa 04-09 Sprint

Intesa Sanpaolo

-7,13

Net express 04-2015

Aviva previdenza

-28,79

Abn Amro Crescita 07-11

Abn Amro

-4,42

Selezione 24-summer ed.

Ergo previdenza

-27,59

Abn Amro Cms 10Y 2011

Abn Amro

-3,68

Net express 11-2014

Aviva previdenza

-27,27

Bnl 04-12 Himalaya Cap

Bnl

-3,47

Cu net premium 12-2012

Aviva previdenza

-27,22

Centrob. 98-13 Lock-in

Centrobanca

-3,23

Pura energia

Ergo previdenza

-25,33

B.Intesa 06-12 Rel BPosta

Intesa Sanpaolo

-3,19

Swing per te

Ergo previdenza

-24,88

Crediop 05-10 Sc. Az.14

Dexia Crediop

-3,03

Indicazione 3

Berica vita

-23,85

Merr. L. 05-11Rel.2 BPosta

Merrill Lynch

-2,84

Indicazione 4

Berica vita

-23,85

Mediob. 05-10 Super Star

Mediobanca

-2,81

Formula optimiz 06/07

Vittoria

-21,81

Morgan 06-12 Reload B.P.

Morgan Stanley

-2,75

Obiett24 gen.05 serie i,ii,iii

Intesa vita

-21,48

Bnl 06-12 Reload2

Bnl

-2,68

Aviva bpu index 11-2010

Aviva vita

-20,96

Dexia-Cred. 05-10 Gen.05

Dexia Crediop

-2,65

Aviva bpu index dic-2010

Aviva vita

-20,94

Goldman 07-13 Rel.BPosta

Goldman Sachs

-2,62

Global domani 2

Axa

-20,89

Crediop 05-15 S.T. Eur10a

Dexia Crediop

-2,59

Performance 6%

Aurora ass.

-20,84

Merr. L. 05-11Rel.2 BPosta

Merrill Lynch

-2,57

Azione più 31.03.2012

Crédit agr. vita

-20,64

B.Intesa 06-12 Reload B.P.

Intesa Sanpaolo

-2,05

Miglior indice 04/12

Carige vita nuova

-20,39

Mediob. 04-14 Rendistato

Mediobanca

-2,00

Fonte: Ufficio studi Il Sole 24 Ore

24 MinutiRadiocor

  • STEFANO. |

    Piu’ che un commento la mia e’ una domanda: col caos di questi giorni in futuro il capitale investito in obbligazioni rilasciate da un noto ist. di credito e’ garantito? Grazie stefano

  • Patrizia Broghammer |

    Mia madre (83) deceduta da poco aveva investito dietro suggerimento del suo consulente TUTTO il suo patrimonio in BNL vita index linked.
    Ne risulta una perdita di capitale superiore al 20%.
    E’ possibile ricorrere in qualche modo adducendo la buona fede della defunta che NON era stata informata che si trattava di prodotti a rischio, a cui anzi era stato proposto un investimento a “capitale garantito”?
    Il capitale e’ garantito si’, ma a scadenza.
    Trattandosi di una ottantenne non e’ immorale proporre un investimento della durata di 7 anni, non chiarenrdo che si tratta di un investimento ad alto rischio.
    C’e’ una qualche speranza di poter citare la Banca (che perarltro temporeggia sul pagamento delle polizze alla Beneficiaria adducendo inutili pretese…) e chiedere il rimborso dell’intero capitale?
    Se si’, qual’e’ l’iter da seguire?
    Grazie
    Patrizia

  Post Precedente
Post Successivo