Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Dividendi in Borsa, tra premio e marketing

Stocks
E’ partita la stagione dei dividendi a Piazza Affari. Con la presentazione dei dati di bilancio 2007 le società quotate hanno fornito le indicazioni sull’ammontare delle cedole che saranno distribuite tra aprile e giugno. Con percentuali oltre la media. Il dividend yield ponderato dell’S&P/Mib, infatti, calcolato sul prezzo di chiusura al 31 marzo scorso, è del 5,6%. Il più alto in Europa.

Per incassare i dividendi distribuiti è sufficiente acquistare i titoli della società il giorno che precede lo stacco della cedola. Tuttavia, i gestori sottolineano che nella maggior parte dei casi la valutazione borsistica delle azioni già incorpora, in media con due mesi d’anticipo, l’effetto del dividendo. C’è da aspettarsi, pertanto che, a cedola distribuita, il titolo scenda di un valore prossimo al suo dividend-yield. Ecco perché quest’ultimo, secondo i gestori, deve essere considerato un indicatore dello stato di salute dell’azienda e non fattore speculativo di breve periodo.

Del resto, guardando le performance registrate nell’ultimo (al netto dei dividendi distribuiti) le società a Piazza Affari che hanno guadagnato terreno, tra quelle che distribuiscono i dividendi più consistenti,  si contano sul palmo di una mano (Terna, Sogefi, Ima). Le altre, invece, navigano in rosso, nonostante le cedole generose distribuite.

E’ quindi possibile dedurre che, in taluni casi, gli alti dividendi viaggiano in modo inversamente proporzionale alle performance borsistiche del titolo. Come spiega anche questo articolo del The Indu business Line, la scelta di una società di aumentare la quota di utili da distribuire ai soci (piuttosto che reinvestirli industrialmente) può essere interpretata dai mercati come un segnale di debolezza sulla solidità del business dell’azienda. In questo caso il titolo perde valore. E il valore dell’investimento per il risparmiatore (anche se rinfocolato da un forte dividendo) rischia di scivolare in territorio negativo.

Ecco quanto pagano quest’anno, in termini di dividendo, le prime società per capitalizzazione in Italia:

Società

Rendimento*

Cedola (in euro)

Quotazione odierna

Unipol**

20,97

0,42

2,003

Telecom risparmio

7,71

0,091

1,18

Mediaset

7,23

0,43

5,95

Mps

7,21

0,21

2,9125

Enel

6,98

0,49

7,02

Parmalat

6,52

0,159

2,44

Telecom

5,49

0,08

1,458

UniCredit

5,49

0,26

4,74

UnicCredit risparmio

5,41

0,275

5,0875

Terna

5,44

0,151

2,775

Bulgari

4,30

0,32

7,45

Lottomatica

3,86

0,825

21,4

Prysmian

2,81

0,417

14,82

Tenaris

2,34

0,38

16,24

* valore determinato sulla quotazione del 7/04/08

** dividendo straordinario