Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mutui, il ritorno del variabile

Mutuovariabile
Oggi il tasso fisso va per la maggiore. Secondo MutuiOnline.it è in aumento il numero di richieste di sostituzione del vecchio mutuo, dal tasso variabile al tasso fisso. Un dato confermato anche dall’ufficio studi Kyron che rileva la tendenza ad orientarsi verso il tasso fisso. Pare quindi che le famiglie, spinte dai timori di ulteriori rialzi dei tassi e, in alcuni casi scottate dall’aumento delle rate (quella di un prestito di 150mila euro da rimborsare in 25 anni erogato nel 2005 è passata da 719 a 957 euro) stanno migrando verso il tasso fisso. Da un punto di visto logico finanziario, però, non è detto che sia la migliore scelta in questa fase. Consultando le migliori offerte, infatti, si ricava che il tasso effettivo globale (comprensivo degli interessi e degli altri oneri) di un mutuo ventennale a tasso variabile è del 5,25% contro il 5,8% del corrispettivo fisso, lo 0,55% in meno. Nell’ultimo mese, pertanto, il divario tra variabile e fisso – assottigliatosi allo 0,2% a dicembre quando l’Euribor ha sfondato la soglia del 5% portandosi ai massimi degli ultimi sei anni – è tornato su livelli apprezzabili.

Su questo articolo pubblicato su 24 minuti è possibile consultare le migliori offerte delle banche.

Radiocor24 minuti

  • Giorgio Vares |

    Sono molto indeciso fra le due soluzioni. Certo è che da quando siamo entrati nell’Unione europea sembra che i tassi variabili siano più al riparo che in passato.
    Anche se un fisso al 5,6% sembra anche una buona opzione.
    un saluto e complimenti per il blog
    giorgio

  • Maurizio |

    Ciao e grazie per la risposta.
    E’ proprio da MutuiOnLine.it che ho preso i dati anche io ma discordanti, evidentemente li ho presi una settimana dopo e i mutui sono aumentati.. e di molto!! (contro la previsione che dovevano abbassare)
    Comunque trovo sempre valori diversi su mutuionline anche ad un giorno di distanza!
    😉
    A presto
    Maurizio

  • Vito Lops |

    La fonte, come si evince, in copia alla tabella è MutuiOnline.it
    Si tratta delle migliori offerte che si possono ottenere tramite l’intermediario online (che permette alla banca di saltare dei passaggi e dei costi e di offrire informazioni più vantaggiose).
    I dati sono relativi al 29 gennaio.
    E’ probabile che per questi due fattori i dati divergono rispetto a quelli offerti direttamente dalla banca dal suo sito.
    ciao
    vito

  • Maurizio |

    Ciao Vito.
    Ho letto l’articolo su 24minuti, ma i dati dei mutui francamente non sono gli stessi di quelli che ho visto offrono le banche.
    Es. Metti in prima posizione sui mutui fissi MontePaschidiSiena con un tasso a 5,40% e rata di 819 euro a 20 anni.
    Se vai sul sito del Monte paschi siena vedi che il mutuo piu’ favorevole che c’e’ e’ quello Giovani Coppie e Famiglia, che a 20 anni offre una rata mensile di 861,38 euro con tasso del 6,02%, MOLTO diverso da quello che riporti tu (ben 42 euro in piu’ al mese).
    Invece quello di Ing Direct Variabile mi sembra attinente a quello che offrono online, ma altre banche offrono mutui divverenti da quello che riporti.
    E’ una svista o hai avuto questi dati ufficialmente?
    Non dovrebbe essere tipostato il Taeg/ISc come tasso che prevede anche altri spese (istruttoria, perizia, assicurazione, incasso mensile) etc etc?
    Grazie mille per l’eventuale chiarimento
    Maurizio

  Post Precedente
Post Successivo