Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il ciclone subprime ha colpito anche il credito al consumo?

Business_loans_america_2
Se i mutui a tasso variabile hanno risentito dell’effetto della crisi di liquidità lo stesso non può dirsi, invece, per i prestiti personali (finalizzati e non) che fanno parte del variegato universo del credito al consumo. Da inizio anno, infatti, gli interessi applicati sui prestiti personali sono aumentati in media dello 0,4 per cento. Il che significa che, chiedere un finanziamento di 20mila euro, oggi costa da 30 a 60 euro in più all’anno rispetto a inizio 2007, a seconda della durata scelta per il rimborso.

Un dato, tuttavia, inferiore all’aumento registrato nello stesso periodo dal costo del denaro (lo 0,90% prendendo come riferimento il valore dell’Euribor a 1 mese, il costo dei finanziamenti interbancari, fissato venerdì 21 dicembre al 4,523% contro il 3,62% di inizio gennaio).

Numeri da cui si evince, quindi, che il credito al consumo, a differenza del mondo dei mutui, non è stato colpito, o lo è stato solo in parte, dall’effetto subprime, ovvero dalla contrazione del credito a livello internazionale innescata dal fallimento dei prodotti derivati agganciati ai mutui Usa ad alto rischio.

«Se i prezzi (i tassi di interesse, ndr) aumentano meno del costo di produzione (costo del denaro, ndr) significa che sta crescendo la concorrenza nel settore», spiega Umberto Filotto, segretario genarale di Assofin, l’associazione di finanziarie che rappresentano l’85% del mercato del credito al consumo. Un altro dato che allontana l’ipotesi subprime dal credito al consumo in Italia è quello relativo alle insolvenze (almeno sei rate scadute e non pagate) che secondo il sistema di informazioni creditizie Crif, si attestavano a giugno 2007 al 3,2% del totale del monte prestiti, il minimo negli ultimi sette anni. Anche se per una stima più efficace bisognerà attendere i dati di fine anno.
Ulteriori approfondimenti su 24 minuti.
(Radiocor-24 minuti)