Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Venezia, antitesi della distruzione creativa

Greenspan
Molto spesso si tende a pensare agli economisti come a persone aride, perché troppo legate ai numeri. Non sempre è così. Le statistiche, in barba all’immaginario collettivo, non annebbiano le emozioni. Lo dimostra un economista del calibro di Alan Greenspan, ex governatore della Banca centrale degli Stati Uniti, che nel suo ultimo libro, l’Età della turbolenza, (una biografia unita alle previsioni sull’economia e sui mercati finanziari), svela, raccontando del suo viaggio di nozze a Venezia, un’impeccabile umanità.

Compresi che Venezia era l’antitesi della distruzione creativa (teoria dell’economista Joseph Schumpeter in base alla quale il capitalismo si basa sull’impulso fondamentale della ricerca dell’innovazione che finisce per distruggere incessantemente la struttura economica del passato creandone incessantemente una nuova, ndr). La città esiste per conservare e apprezzare un passato, non per creare un futuro, ma è proprio quello il punto: Venezia soddisfa il profondo bisogno dell’essere umano di stabilità e permanenza, oltre che di bellezza e poesia. La sua popolarità rappresenta un aspetto del conflitto interiore della natura umana: la lotta fra il desiderio di accrescere il benessere materiale e quello di evitare il cambiamento e lo stress che ne consegue.

Lo standard di vita degli americani continua a innalzarsi, ma il dinamismo dell’economia che lo produce fa perdere il lavoro a centinaia di migliaia di persone la settimana. Non c’è da sorprendersi che si chiedano sempre più tutele contro le forze della libera concorrenza e che ci sia nostalgia per tempi più lenti e semplici. Niente è più logorante dell’incessante vento della distruzione creativa. Senza dubbio, la Silicon Valley è un luogo eccitante in cui lavorare, ma il suo fascino come destinazione per una luna di miele finora non è stato riconosciuto.

  • Vito Lops |

    Condivido, il fascino dell’economia è la sua irrazionalità che, visto che il punto di partenza sono i numeri, fa rima col nonsenso. Sarà anche per questo che Elliot, l’autore della teoria delle onde, con cui puntava a scardinare i misteri dei comportamenti anomali dei mercati finanziari, è stranamente morto in povertà.

  • F.Francesco |

    Ciao Vito,Non è vero che noi economisti siamo persone aride,tutt’altro,prendi la teoria dei giochi in microeconomia ,che sia la scelta di un bar per bere un caffe’,o la scelta del tuo partner , i giochi e gli equilibri di nash ci dicono qual’e’ il comportamento migliore,tenendo conto di come si comportera’ il nostro”avversario”per me l’economia è una scienza tremendamente sexy!!!
    Un saluto Francesco

  Post Precedente
Post Successivo