Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mutui meno cari, torna a scendere l’Euribor

La crisi dei mercati azionari e dell’economia statunitense (la crescita stimata nell’anno in corso è scesa all’1,5%) si traducono in una notizia positiva per chi ha sottoscritto un mutuo a tasso variabile. L’impennata dell’Euribor di agosto (il tasso a 1 mese viaggiava al 4,4%  quello a 3 mesi al 4,72%, quell a 1 anno  al 4,74%) , si è, infatti, attenuata. Stando alle quotazioni di oggi, infatti, l’Euribor a 1 mese viaggia al 4,23, quello a 3 al 4,69% e quello a 1 anno al 4,65%. Il che significa che è previsto un lieve calo delle rate nei prossimi mesi per chi ha in corso un mutuo a tasso variabile.

A determinare il calo, pur non affatto archiviata la crisi subprime e quindi i connessi rischi di aumenti dell’euribor scatenati dal potenziale clima di sfiducia tra gli istituti a prestarsi denaro, sono in primis due fattori: da un lato la corsa dell’euro (questa mattina ha toccato un nuovo massimo storico sul dollaro a quota 1,4347) e dall’altro le previsioni di una nuova stretta monetaria negli Usa a fine mese.

L’avanzata dell’euro, infatti, determina un rallentamento dell’economia sul fronte delle esportazioni verso i Paesi che hanno valute indebolite nei confronti della divisa unica. Rallentamento che, in sostanza,  è equivalente a una stretta monetaria.

– Da ciò si deduce che l’Euro forte rimpiazza eventuali manvore rialziste sui tassi della banca centrale europea. 

– Il taglio dei tassi di interesse statunitensi (attualmente al 4,75%) è dato ormai per scontato nella prossima riunione della Fed il 30-31 ottobre. Per gli analisti le probabilità sono salite al 90% rispetto al 30% della scorsa settimana. Resta da sciogliere il nodo sull’entità del taglio: di un quarto di punto o di mezzo punto percentuale.  Di fronte a una nuova mossa espansiva della Fed (dopo quella di metà settembre) resta difficile ipotizzare che l’Europa – travolta anch’essa dalla crisi del credito – proceda in direzione opposta con una stretta.

Ecco perché il convulso scenario macroeconomico si traduce in una prossima riduzione delle rate dei mutui a tasso variabile.

Ecco, nel dettaglio, l’andamento dell’indice Euribor nella rilevazione odierna.

360/365 365/365
——————————-
1 Settimana 4,0990 4,1560
2 Settimane 4,1150 4,1720
3 Settimane 4,1370 4,1940
1 Mese 4,1740 4,2320
2 Mesi 4,3270 4,3870
3 Mesi 4,6320 4,6960
4 Mesi 4,6220 4,6860
5 Mesi 4,6150 4,6790
6 Mesi 4,6090 4,6730
7 Mesi 4,6020 4,6660
8 Mesi 4,6000 4,6640
9 Mesi 4,5980 4,6620
10 Mesi 4,5960 4,6600
11 Mesi 4,5940 4,6580
1 Anno 4,5950 4,6590