Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Le carte revolving sfiorano l’usura

Nel panorama delle offerte di carte revolving l’usura è in agguato.  Da un’analisi dei prospetti informativi di carte di credito rotativo – quelle emesse da banche, assicurazioni, centri commerciali e finanziarie  con un fido tra i 1.500 e i 3.000 euro concesso senza garanzie – emerge che tra le prime dieci finanziarie per quota di mercato, oltre la metà supera il tasso annuale del 20 per cento. Due in particolare, Prestitempo e Finconsumo, praticano – come valori massimi – il 24,63%, esattamente in linea con il limite dell’usura per questo tipo di operazioni fissato trimestralmente da Banca d’Italia.

Per chi vuole approfondire l’argomento (e per leggere alcuni consigli utili) ecco un articolo pubblicato oggi su 24 minuti.

  • Vito Lops |

    Grazie Mimmo. La nota dolente di tutto ciò è che, come per le obbligazioni index linked (un altro strumento molto diffuso nel portafoglio dei risparmiatori), anche il successo delle carte revolving si basa su una scarsa trasparenza. Credo, infatti, che se i 12 milioni di possessori di queste carte avessero saputo che sono ben diverse dalle comuni carte di credito probabilmente non le avrebbero sottoscritte (o perlomeno si sarebbero rivolti agli operatori più concorrenziali).
    Un salutone
    vito

  • Mimmo |

    Bravo Vito. Queste sono proprio le notizie che mi piace leggere. Complimenti.
    Mimmo

  Post Precedente
Post Successivo