Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mutui subprime, il filo Usa-Italia

Un lettore, Gianni, commentando il post "I mutui subprime fanno meno paura adesso", pone delle domande che sicuramente in molti si staranno facendo in questa fase di turbolenza delle piazze azionarie e di collegamento da climax tra equity, mercato immobiliare e finanza innovativa.

Secondo voi in Italia si potrà avere un riflesso? Tutto ciò potrebbe causare un abbassamento dei prezzi delle case come stà accadendo in America, e dei mutui?

Premesso che si tratta di opinioni

1) non è possibile fare paragoni tra quanto sta accadendo negli Stati Uniti (i prezzi delle case sono passati dalla stagnazione alla discesa in una bolla che non ha precedenti) e l’Italia (i prezzi delle case viaggiano al piccolo trotto con incrementi vicini all’inflazione dopo essere raddoppiati negli ultimi 10 anni).

2) in Italia inoltre non esistono mutui subprime (tutti coloro che chiedono un mutuo conoscono bene quante garanzie, oltre ovviamente all’ipoteca, vengono chieste). Il nostro Paese potrebbe essere esposto al fenomeno dal punto di vista finanziario, con banche e fondi che hanno acquistato derivati sui subprime Usa. Questa è al momento un’incognita che le società quotate sveleranno a breve dato che Banca d’Italia e Consob hanno chiesto di indicare quale è la loro esposizione nel comparto dei cosiddetti mutui "ad alta tensione";

3) la crisi del settore creditizio "globale" potrebbe modificare le politiche monetarie delle banche centrali. Se negli Stati Uniti si parla di un ribasso di 50 punti base, in Europa, dove fino a poche settimane fa si ipotizzava un doppio rialzo da 0,25 entro fine anno, lo scenario più probabile è quello di un solo rialzo da 0,25 con il costo del denaro al 4,25%.
Tuttavia poco dovrebbe cambiare per chi ha già sottoscritto un mutuo a tasso variabile (ed è quindi sensibile alle decisioni di Francoforte) perché l’Euribor a un mese (il parametro a cui viene ancorato lo spread della banca) già sconta il rialzo che, quindi, i mutuatari a tasso variabile stanno già pagando.

  • Sandro |

    Sono curioso di conoscere se le banche in Italia hanno modificato l’offerta di mutui dopo lo scandalo del fenomeno subprime…

  Post Precedente
Post Successivo