Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mutui, perché il tasso fisso costa di più

Mortgage
Stipulare oggi un mutuo a tasso fisso costa,  in media, lo 0,6% in più rispetto a uno a tasso variabile. Molto meno rispetto al periodo tra la fine del 2003 e l’inizio del 2004 quando il variabile era più conveniente di circa due punti percentuali.

Da dicembre 2005 ci sono stati otto rialzi del costo del denaro (passato dal 2 al 4%) che hanno comportato un aumento dei mutui a tasso variabile (espressi dall’indicatore euribor) nettamente superiore rispetto a come si è mosso l’Irs (l’indicatore per i mutui a tasso fisso).

Sta di fatto, che i mutui a tasso variabile restano sempre, fotografati in un momento specifico e confrontanti con il corrispettivo tasso fisso, meno cari. Perché?

Semplicemente perché chi sottoscrive un mutuo a tasso fisso paga in più una sorta di "assicurazione" che lo protegge dal rischio che l’economia italiana tracolli e che gli interessi passivi tornino sui livelli degli anni ’80 quando i mutui costavano nell’ordine del 17% annuo.

Con l’ingresso nell’Unione europea e con i rigidi paletti imposti per rimanerci (deficit/pil al 3% ad esempio) il rischio di una batosta per la nostra economia è decisamente ridotto. Elemento che dovrebbe indurre a preferire, almeno per i mutui sulla lunga distanza (dai 20 anni in su) il tasso variabile. Anche se, anche in questo caso è sempre bene analizzare con attenzione il piano di ammortamento.